www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Radar Basics

L'equazione radar in pratica

Il grafico mostra tre equazioni derivate dall'equazione di base del radar in due fasi. 
	La prima equazione è l'equazione di base del radar nella forma generale stessa. Tranne R_max, la quarta radice, e la potenza di trasmissione nel denominatore sotto la radice, tutti gli altri parametri sono oscurati. 
	Questi parametri oscurati sono assunti come costanti e sono combinati in un fattore K prima della radice. La seconda equazione consiste ora solo di R_max, il fattore K, e la quarta radice della potenza di trasmissione P_S.
	Omettendo il fattore costante nella terza formula, si mostra solo la proporzionalità della portata massima alla quarta radice della potenza di trasmissione.

Qui vengono mostrati alcuni esempi di come i cambiamenti di singoli parametri all'unità radar possono influenzare la portata teorica dell'unità radar.

Potenza di trasmissione

Non tutti i tubi di trasmissione sono uguali: minime tolleranze di fabbricazione possono influenzare la potenza di trasmissione ottenibile e quindi la portata teorica. Ma come promemoria: la potenza di trasmissione è sotto la quarta radice!

Tranne la potenza di trasmissione, assumiamo temporaneamente che tutti gli altri fattori siano costanti e li combiniamo in un coefficiente k:
La portata è proporzionale alla quarta radice della potenza di trasmissione PS!

Quindi dobbiamo moltiplicare la potenza di trasmissione sedici volte per raddoppiare solo la portata!

Con questo, sicuramente anche le deviazioni nell'indicazione della portata diventano comprensibili: se per esempio la potenza di trasmissione del P–12 può variare da 160 kW a 250 kW (ammissibile), allora anche la diversa indicazione della portata da 250 a 270 km può essere corretta?

Esempio di calcolo: la radice quarta del rapporto potenza di trasmissione massima e minima: cioè il quoziente di 250 diviso 160 è uguale alla radice quarta di 1,5625. Il risultato è 1,118.

Come possiamo vedere, anche la cifra di 250km(160 kW)· 1,118 = 279,5 km(250 kW) sarebbe ancora corretta!

E questo è solo considerando la potenza di trasmissione.

In pratica, poiché la potenza di trasmissione del triodo a disco dipendeva anche dalla frequenza (da qui l'ampio intervallo di tolleranza!), sono stati raggiunti valori tra 180 kW e 240 kW.

Esempio di calcolo: la quarta radice di 1 meno un sedicesimo è uguale alla quarta radice di 0,9375 ed è uguale a 0,983.

È possibile anche la conclusione inversa: se (per esempio a causa di un guasto di uno dei sedici moduli trasmettitori) la potenza di trasmissione viene ridotta di un sedicesimo, allora l'influenza sulla portata della stazione radar è effettivamente trascurabile nella pratica (perdita di portata < 2%).

Sensibilità del ricevitore

La potenza minima ricevuta deve essere trattata diversamente dalla potenza trasmessa: È anche sotto la quarta radice, ma nel denominatore.
Quindi la riduzione della potenza minima di ricezione del ricevitore porta all'aumento della portata.

C'è una certa potenza ricevuta per ogni ricevitore, oltre la quale non può funzionare affatto. Questa più piccola potenza di ricezione elaborabile è spesso chiamata MDS - MDS - Minimum Discernible Signal nella tecnologia radar. I valori radar tipici dell'eco MDS si trovano nella gamma da -104 dBm a -110 dBm.

Guadagno dell'antenna

Il guadagno dell'antenna G è pari alla seconda potenza sotto la quarta radice.
Ricordiamo: l'antenna si usa all'andata e al ritorno.

Così un quadruplo del guadagno dell'antenna si tradurrà in un raddoppio della portata.

E ancora un esempio pratico dalla tecnologia delle onde metriche: la stazione radar russa P–12 (gamma VHF, antenne Yagi: G = 69) era a volte operata all'antenna del P–14 (circa la stessa gamma di frequenza, antenna parabolica: G = 900). Questa combinazione era spesso chiamata scherzosamente „P-13“. Secondo la nostra equazione del radar dovrebbe risultare il seguente guadagno di portata:

Esempio di calcolo del guadagno d'antenna: la radice quadrata di 900 divisa per 69 equivale alla radice quadrata di 13,04 e questo equivale a 3,61.

(La quarta radice è stata immediatamente troncata contro il quadrato nel numeratore e nel denominatore.)
Sarebbe bello se la gamma potesse essere triplicata così facilmente come promette il calcolo. Ma l'antenna molto più grande aveva anche bisogno di linee di alimentazione molto più lunghe. Queste perdite di linea e il mismatch del radiatore mangiavano più della metà del guadagno di gamma. In pratica, circa 1,6 volte la portata è stata raggiunta. L'unico problema era che la frequenza di ripetizione degli impulsi del vecchio P-12 era sovraccarica di queste gamme.